Notizie - Formazione - Eventi

Notizie Associative - Eventi associazione - Sistemi di gestione - Notizie Certificazione di prodotto e tanto altro

Pubblicazioni recenti dell’ISO 9001 APG

Si segnala la pubblicazione, da parte dell’ISO 9001 APG “Auditing Practices Group”, del nuovo documento Auditing Digital Processes”  e della guida sull’ uso efficace della ISO 19011, rivista e ampliata allo scopo di fornire una panoramica sulla ISO 19011:2018.

Entrambi i documenti possono essere trovati nella sezione “Auditing General” del sito web ISO 9001 APG.

L’ISO 9001 APG ha inoltre ritirato il documento “Electronic Documented Information System”, includendone i contenuti nelle guide “Auditing Digital Processes” e “Remote Audits”.

GUIDA CEI 64-14: avvio inchiesta pubblica

È in inchiesta pubblica, fino al 23 Ottobre 2020, la Guida CEI 64-14 Variante 1 Guida alle verifiche degli impianti elettrici utilizzatori”, che va a modificare i primi 3 capitoli della precedente versione e  aggiunge il nuovo capitolo 4 sugli ambienti medici.

La Guida chiarisce e sintetizza, anche con il contributo di esempi applicativi, alcune prescrizioni delle Norme CEI relative agli impianti elettrici, considerate particolarmente significative.

È stata inoltre prevista l’Appendice A “Guida alla gestione in qualità degli strumenti e delle misure per la verifica degli impianti elettrici” che aggiorna, annulla e sostituisce la Guida CEI 0-11. Questa Appendice ha lo scopo di definire la gestione delle misure e della strumentazione per le verifiche degli impianti elettrici di cui al DPR 462/01.

Il GdL DPR 462/01 di Conforma sta lavorando per fornire al comitato tecnico CEI le sue proposte di miglioramento.

Tutti gli interessati possono inviare i propri commenti compilando in ogni sua parte il template disponibile in allegato. Il documento va trasmesso a dt@ceinorme.it entro il 23.10.2020.

Template commenti Guida CEI 64-14

 

Verifiche periodiche Art.71: ricostituita la Commissione

Con il Decreto direttoriale n. 53/2020, è stata ricostituita la Commissione per l’esame della documentazione per l’iscrizione nell’ elenco dei soggetti abilitati di cui all’ Allegato III del Decreto ministeriale 11 aprile 2011 a firma del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, di concerto con il Ministro della Salute e il Ministro dello Sviluppo Economico.

La Commissione è composta dai seguenti componenti effettivi:

  • Ing. Abdul Ghnai Ahmad in rappresentanza del Ministero del lavoro e delle politiche sociali;
  • Ing. Luigi Monica in rappresentanza del Ministero della Salute;
  • Ing. Gerardo La Nave in rappresentanza del Ministero dello Sviluppo Economico;
  • Ing. Ugo Carlo Schiavoni in rappresentanza del Coordinamento tecnico delle Regioni.

La Commissione resterà in carica per un triennio, a decorrere dalla data del decreto.

DD-53-del-09092020-ricostituzione-commissione-verifiche-periodiche

IAF/ILAC JOINT MEETINGS 2020 e 2021

Alla luce della pandemia in corso e al fine di salvaguardare la salute e la sicurezza di tutti i suoi membri e delegati, IAF ha annullato gli incontri programmati per l’anno 2020 invitando i Comitati, i Gruppi di Lavoro e le Task Forces a proseguire il loro lavoro virtualmente tramite modalità differenti.

I Comitati Esecutivi IAF e ILAC stanno vagliando possibili alternative anche per i meeting in programma a medio termine per l’anno 2021, quali incontri e ballot online o una combinazione di entrambe le soluzioni.

Sono stati invece confermati gli appuntamenti previsti per l’Assemblea Generale 2021, che si terrà dal 28 ottobre al 6 novembre a Montréal, Canada.

Per consentire ai suoi membri un’adeguata pianificazione delle attività correlate, IAF invierà successivamente l’elenco degli incontri IAF/ILAC in programma nei prossimi mesi in modalità virtuale.

CONFORMA provvederà a informare tempestivamente i propri Associati riguardo ai futuri meeting organizzati da IAF.

Osservatorio Accredia: accreditamento e certificazioni

È stato pubblicato il nuovo studio dell’Osservatorio Accredia “Accreditamento e certificazioni. Valore economico e benefici sociali”, realizzato in collaborazione con Prometeia, presentato lo scorso 15 luglio al webinar “Quanto vale la Qualità? Crescita economica, sicurezza e sostenibilità”.

L’obiettivo dello studio è stato quello di misurare la crescita economica e i benefici sociali che derivano dalle attività dell’Infrastruttura per la Qualità (IQ), e in particolare dalle certificazioni, ispezioni, prove e tarature svolte dagli organismi e dai laboratori accreditati da Accredia.

Tra il 2013 e il 2018, è stato calcolato in 10,8 miliardi di euro il contributo della IQ all’economia italiana, corrispondente al 16,1% dell’incremento del PIL nei settori manifatturiero (5 miliardi di euro), dei servizi (5,8 miliardi di euro) e delle costruzioni (110 milioni di euro).

Accreditamento e valutazione della conformità, che insieme a normazione tecnica e metrologia costituiscono l’Infrastruttura nazionale per la Qualità, rappresentano anche uno strumento di tutela dei cittadini e di sostegno per istituzioni e imprese.

COMUNICATO STAMPA ACCREDIA_Osservatorio_Prometeia_15_07_20

Presentazione Prometeia Osservatorio Accredia 2020

Osservatorio Accredia Accreditamento e certificazioni Crescita e benefici

Executive Summary Osservatorio Accredia

Appendice Metodologica Osservatorio Accredia

Slide di sintesi Osservatorio ACCREDIA-PROMETEIA

Rapporto annuale Conforma 2020

Il 2019 e i primi mesi del 2020 è stato un periodo molto intenso e sfidante, nel corso del quale CONFORMA ha cercato di perseguire e tradurre in risultati concreti e misurabili gli obiettivi principali dell’associazione:

  • promuovere l’importanza della valutazione di conformità accreditata nell’attuale contesto economico;
  • promuovere l’operato degli organismi di certificazione, ispezione e prova;
  • diventare un interlocutore sempre presente, affidabile e di riferimento per le Istituzioni e gli stakeholders;
  • saper cogliere in anticipo gli elementi di cambiamento, che potrebbero portare a un completo ripensamento del settore TIC (Testing, Inspection & Certification) e delle modalità con cui opera.

Il documento, liberamente consultabile, sintetizza l’operato dell’Associazione sia sul piano tecnico, attraverso i suoi Gruppi di Lavoro e Task Forces, che sul piano istituzionale.

I soggetti interessati a meglio conoscere CONFORMA possono consultare il sito e inviare una mail a info@associazioneconforma.eu

Rapporto annuale CONFORMA_2020

Revisione del Regolamento sui Prodotti da Costruzione

La Commissione Europea ha dato inizio ad una consultazione per la revisione del CPR 305/2011/UE: il Regolamento che stabilisce norme condivise a livello Europeo per la commercializzazione dei prodotti da costruzione.

La revisione ha l’obiettivo di migliorare il funzionamento del mercato unico dei prodotti da costruzione per promuovere e perseguire gli obiettivi di:

  • crescita del settore delle costruzioni;
  • sostenibilità ambientale nell’ambito del piano d’azione Green Deal e di economia circolare;
  • sicurezza dei prodotti.

CONFORMA ha attivato il suo GdL CPR per fornire il proprio contributo entro i termini fissati al 31 Agosto 2020.

GUIDA CEI 0-14: avvio del progetto di inchiesta pubblica

E’ in inchiesta pubblica, fino al 30.09.2020,  la Guida CEI 0-14 “DPR 22 ottobre 2001, n. 462. Guida all’applicazione del DPR 462/01 relativo alla semplificazione del procedimento per la denuncia di installazioni e dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche, di dispositivi di messa a terra degli impianti elettrici e di impianti elettrici pericolosi”.

Lo scopo della guida è quello di uniformare, per quanto possibile, l’interpretazione del DPR 462/01 sulla base delle esperienze applicative e delle regolamentazioni vigenti. La Guida è destinata principalmente ai soggetti abilitati ai fini del DPR 462/01 coinvolti nell’esecuzione delle verifiche di sicurezza.

Per i lavori di revisione è stato istituito un tavolo tecnico CEI al quale ha partecipato anche CONFORMA.

Tutti gli interessati possono inviare i propri contributi, utilizzando il format allegato, all’indirizzo mail  dt@ceinorme.it

E’ stata pubblicata la UNI/PdR 88:2020

La UNI/PdR 88: 2020 “Requisiti di verifica del contenuto di riciclato e/o recuperato e/o sottoprodotto, presente nei prodotti”, fortemente voluta da CONFORMA e da altre associazioni italiane del settore TIC è oggi disponibile.

Dopo circa due anni di intenso lavoro di carattere tecnico e di un lungo ma proficuo confronto con Confindustria ed il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con il coinvolgimento di Accredia, è stata pubblicata la specifica tecnica Italiana che consente di definire la modalità di verifica del contenuto di riciclato e/o recuperato e/o sottoprodotto, dichiarato da un’organizzazione per un proprio prodotto immesso sul mercato nazionale, indipendentemente dalla sua tipologia, purché esso sia compreso nel campo di applicazione definito dalla prassi stessa.

La prassi è relativa ai prodotti industriali, sia ricavati direttamente da materiale riciclato, recuperato o sottoprodotto sia quelli assemblati a partire da componenti a loro volta realizzati da materiale riciclato, recuperato o  sottoprodotto.

Nella PdR sono anche definiti i requisiti dello schema e dell’iter certificativo, così come degli organismi di certificazione che effettuano la verifica.

Usando questa specifica come linea guida le aziende interessate possono mettere a punto le modalità di calcolo e verifica del contenuto di riciclato nei loro prodotti al fine di dichiarare questo aspetto ambientale che costituisce la base dell’economia circolare verso la quale tutti i paesi avanzati si stanno rapidamente muovendo.

Infine le aziende interessate potranno utilizzare le certificazioni a fronte di questa PdR sia come metodo di verifica appropriato per dimostrare i requisiti relativi al contenuto di materiale riciclato e/o recuperato e/o di sottoprodotto indicati nei Criteri Ambientali Minimi (CAM) emanati dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, sia come strumento volontario previsto dai diversi protocolli di sostenibilità degli edifici (ad esempio LEED o ITACA).

UNI/PdR 88:2020 “Requisiti di verifica del contenuto di riciclato e/o recuperato e/o sottoprodotto, presente nei prodotti”

Come i Soci Conforma hanno gestito l’emergenza sanitaria

Le nuove regole imposte dalla pandemia da COVID-19 hanno reso necessario un uso più frequente delle tecniche di controllo da remoto.

In molti casi gli Organismi disponevano già di procedure consolidate per la gestione delle attività da remoto, utilizzate, seppure in casi eccezionali (siti inaccessibili, località remote, ecc), in vari settori.

Tuttavia, la presenza di questi protocolli ha consentito agli Organismi di valutazione della conformità di essere pronti ad affrontare le mutate condizioni, garantendo il loro servizio e il loro supporto al mercato, senza soluzione di continuità, in linea con tutte le indicazioni nazionali ed internazionali.

La rapida risposta degli Organismi si è dimostrata efficace nel mantenere le certificazioni affidabili e solide e nel garantire alle Organizzazioni il soddisfacimento dei requisiti dei vari standard.

Il passaggio a tecniche di audit da remoto offre l’opportunità di riconsiderare e rivedere il modo in cui verrà rilasciata la certificazione accreditata in futuro. Offrire maggiore valore al mercato, in modo più efficace ed efficiente, è un obiettivo chiave per cui gli OdC devono impegnarsi e saranno al centro dell’attenzione.

Oltre all’auditing remoto, i Soci CONFORMA forniscono una gamma di servizi aggiuntivi per aiutare le organizzazioni a superare questi tempi difficili, nel rispetto della salute e della sicurezza del personale.

CONFORMA contro chi mina la credibilità della valutazione di conformità

L’emergenza Coronavirus e la necessità di reperire in tempi brevi le mascherine (Chirurgiche e DPI) hanno purtroppo portato, in alcuni casi, alla diffusione di certificati falsi, documenti non conformi e attestazioni volontarie che hanno inquinato il mercato dei DPI e la credibilità del sistema.

Il certificato di attestazione della conformità di un DPI (dispositivo di protezione individuale), per essere valido e conforme, deve essere rilasciato ai sensi del Regolamento UE 425/2016 da un Organismo Notificato dalla Commissione europea, dopo aver ottenuto l’accreditamento da Accredia e l’autorizzazione dai Ministeri dello Sviluppo Economico e del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Sulla base delle verifiche fatte dagli Organismi Notificati, i produttori, gli importatori e chi commercializza, possono apporre la marcatura CE sui prodotti e immetterli sul mercato.

L’emergenza sanitaria ha portato alcuni cambiamenti nella procedura ordinaria di certificazione dei DPI e dei dispositivi medici, secondo i nuovi criteri definiti, prima dal DL 18/2020 e poi dalla Legge 17/2020 “Cura Italia” che hanno disposto una deroga alla procedura ordinaria di valutazione della conformità di DPI e dispositivi medici, in modo da ridurre i tempi di attesa della produzione e della commercializzazione, senza ridurre il livello di qualità e sicurezza atteso.

È su questo ultimo punto che i soci Conforma sono pronti ad assumere, ogni qualvolta dovesse essere necessario, una posizione ferma e decisa per denunciare e contrastare ogni comportamento fraudolento che va contro l’etica e la professionalità che da sempre caratterizza gli Organismi di valutazione della conformità e mina la credibilità dell’intero sistema.

ISO/IEC 17025:2017: PERIODO DI TRANSIZIONE ESTESO AL 1 GIUGNO 2021

A causa delle restrizioni agli spostamenti e ai contatti sociali, imposte a livello globale dalla pandemia COVID-19, il comunicato congiunto ISO/ILAC ““Joint ILAC-ISO Communiqué on the recognition of ISO/IEC 17025 during a Three-Year Transition – June 2020”” relativo alla transizione della norma ISO/IEC 17025:2017 è stato recentemente revisionato per estendere il periodo di transizione fino al 1° giugno 2021.

Tale misura si è resa necessaria per permettere agli Enti di Accreditamento e ai Laboratori Accreditati di procedere alla transizione in modo efficace.

Si segnala anche la circolare del Dipartimento Laboratori Accredia n° 2/2020 disponibile in allegato. Circolare Informativa ACCREDIA DL 2_2020 – transizione ISO 17025

 

Si rimanda al sito ILAC per tutti i dettagli.

 

World Accreditation Day – Accreditation: Improving Food Safety

Il 9 giugno 2020 è stata celebrata la Giornata mondiale dell’accreditamento, un’iniziativa globale istituita da ILAC e IAF per promuovere il valore dell’accreditamento. In allegato la brochure IAF ILAC.  WAD 2020 brochure web version

Il tema cardine di questo anno è stata l’importanza dell’accreditamento per migliorare la sicurezza alimentare, a supporto della fiducia dei consumatori, dei fornitori, degli acquirenti, e di tutta la filiera.

Una dichiarazione congiunta rilasciata dai presidenti di IAF e ILAC introduce l’importanza dell’accreditamento nella sicurezza alimentare, sottolineando il ruolo della valutazione di conformità indipendente in tutti i comparti della catena alimentare. È fondamentale veicolare questo messaggio agli Enti di Normazione, ai Governi, alle imprese e anche ai consumatori.

In tal modo, l’accreditamento sostiene gli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) delle Nazioni Unite, in particolare la buona salute e il benessere (OSS 3).

IAF sta dando grande importanza al tema della sicurezza alimentare e un grande lavoro è stato svolto in questi mesi di emergenza sanitaria dal IAF WG FOOD al quale partecipa anche CONFORMA, per garantire la prosecuzione delle attività di certificazione, controllo e ispezione in questo settore che non ha interrotto il ciclo produttivo, ma, al contrario, in alcuni casi ha dovuto fronteggiare una maggiore richiesta.

 

È DISPONIBILE IL DECALOGO CONFORMA COVID19

Il DECALOGO CONFORMA COVID-19 esplicita in 10 punti le caratteristiche dei servizi che i Soci Conforma offrono alle Aziende per verificare la corretta implementazione, da parte di queste ultime, delle procedure per la prevenzione e la limitazione della diffusione del contagio Covid-19 nei luoghi di lavoro.

Anche in questa situazione di emergenza sanitaria gli Organismi di valutazione della conformità sono al servizio delle imprese e del mercato intero per aiutarli a gestire e a ridurre il rischio di contagio nei luoghi di lavoro, a tutela dei lavoratori e degli utilizzatori finali, nel rispetto dei protocolli di sicurezza del Governo.

DECALOGO CONFORMA COVID 19

Report annuale CONFORMA 2019

È stato presentato nel corso dell’Assemblea dei Soci del 27 Maggio il report annuale CONFORMA 2019.

Il documento illustra le attività svolte nel corso del 2019 secondo i tre grandi filoni: tecnico, istituzionale, comunicativo.

Viene fornito il dimensionamento del settore TIC in Italia, nonché i dati di mercato riferiti al solo ambito accreditato Accredia. Da un confronto con i relativi dati di fatturato dei soli Soci si conferma che anche nel 2019 CONFORMA rappresenta nel settore Certificazione e Ispezione più del 50% del fatturato Italia .

Sul piano tecnico intenso è stato il lavoro svolto dai 15 Gruppi di Lavoro attivi. Numerose sono state le Task Forces create ad hoc per discutere tematiche specifiche. A supporto del lavoro tecnico, è stata intensificata l’attività istituzionale con la partecipazione di Conforma alle audizioni parlamentari in tema di Codice Appalti e Agricoltura Biologica, oltre a numerose occasioni di confronto diretto con i Ministeri coinvolti nelle specifiche attività di interesse dei Soci.

Il documento sarà reso pubblicamente disponibile a breve.

Progetto di PdR UNI per claim sulla sostenibilità

La crescente attenzione ai temi della sostenibilità e la necessità di un supporto alle attività di verifica e validazione dei claims etici (si veda a riguardo ISO/TS 17033: la norma UNI e l’accreditamento Accredia) hanno portato UNI a mettere in campo un progetto di Prassi di Riferimento che dovrà definire un Program per la convalida dei claims etici e sostenibili.

I lavori del tavolo UNI inizieranno a breve e CONFORMA parteciperà in rappresentanza delle Associazioni di Organismi di valutazione della conformità socie di Accredia.

ISO/TS 17033: la norma UNI e l’accreditamento Accredia

Le pubblicità, le comunicazioni aziendali e le etichette sui prodotti sempre più enfatizzano determinate caratteristiche, anche sotto il profilo etico ed ambientale, per catturare l’interesse del consumatore.

Per evitare una comunicazione ambigua e fuorviante, e quindi per preservare la fiducia nel consumatore, l’ISO ha pubblicato a fine 2019 la Technical Specification ISO/TS 17033: Ethical Claims and supporting information – Principles and Requirements, recepita in Italia da UNI lo scorso 23 Gennaio.

La norma contiene i principi e i requisiti per la competenza, il funzionamento e l’imparzialità degli organismi che eseguono validazioni e verifiche, accreditati secondo la UNI CEI EN ISO/IEC 17029:2020

Le attività che potranno essere svolte dagli organismi accreditati secondo la norma ISO/IEC 17029 hanno quindi lo scopo di misurare l’esattezza e la conformità dei claim sulla base di verifiche o validazioni.

Accredia ha messo a punto la circolare tecnica n.12/2020 “Accreditamento per la verifica / validazione di asserzioni (claim) ai sensi della norma ISO/TS 17033” che chiarisce che un Organismo può procedere con la verifica/validazione del claim dopo aver verificato, fra l’altro:

  • che si è in presenza di un claim
  • che il claim è di tipo etico, è verificabile, accurato e non fuorviante
  • che siano state coinvolte le pertinenti parti interessate, ove rilevanti

DECALOGO CONFORMA COVID-19

La difficile situazione sanitaria attuale relativa all’emergenza Coronavirus e la necessità di rivedere le modalità di lavoro e di organizzazione aziendale per ridurre al minimo le possibilità di contagio, hanno spinto molti soci di Conforma a mettere a punto servizi di valutazione della conformità da fornire alle aziende loro clienti per supportarle anche in questa fase di emergenza sanitaria.

Da questa premessa è stato sviluppato un documento, il DECALOGO CONFORMA COVID-19, che esplicita in 10 punti le caratteristiche dei servizi che i Soci Conforma offrono alle Aziende per verificare la corretta implementazione, da parte di queste ultime, delle procedure per la prevenzione e la limitazione della diffusione del contagio Covid-19 nei luoghi di lavoro.

A breve il DECALOGO CONFORMA COVID-19 sarà reso disponibile.

Aggiornamenti IAF: pandemia da COVID-19 e audit in ambito FOOD SAFETY

Il Gruppo di lavoro IAF  Food – Task Force GFSI (Global Food Safety Initiative), al quale ha partecipato anche CONFORMA, ha redatto una guida: Remote Auditing Activities for Accredited Food Safety Certification per meglio spiegare come i processi e le procedure di audit da remoto, definiti nelle norme internazionali e nei documenti IAF informativi e mandatori, possono essere utilizzati nella certificazione di sicurezza alimentare accreditata, in modo particolare per gestire le attività in questa periodo di emergenza globale.

Aggiornamenti IAF: pandemia da COVID-19 e audit ISO 9001

Si segnalano due documenti IAF di recente pubblicazione, utili alla gestione degli audit in questo periodo di emergenza sanitaria:

ISO 9001 Auditing Practices Group Guidance on: REMOTE AUDITS : è un documento di supporto per la conduzione degli audit da remoto durante la pandemia di COVID-19. Fornisce raccomandazioni per il programma di audit, la pianificazione, la realizzazione  e le conclusioni dell’audit e include un allegato che descrive i rischi e le opportunità per l’audit remoto.

ISO 9001 Auditing Practices Group Guidance on: Scope and Applicability: si tratta di una revisione di “Scope of ISO 9001, Scope of Quality Management System e Scope of Certification”, con l’obiettivo di migliorare l’allineamento e la coerenza nel processo di audit.

Gli audit per la MARCATURA DEI PRODOTTI DA COSTRUZIONE – Regolamento 305/2011 e altre disposizioni nazionali

CONFORMA ha messo a punto un’istruzione operativa con lo scopo di definire, per la gestione dell’emergenza derivante dalla pandemia da COVID-19, le modalità di preparazione ed esecuzione degli audit in remoto per la valutazione dei requisiti di certificazione ai fini della Marcatura CE per i prodotti da costruzione previsti dal Regolamento 305/2011 e delle altre disposizioni nazionali (calcestruzzo).

La procedura, disponibile per il download, è stata condivisa con le Istituzioni e chiarisce che gli audit in remoto non sono verifiche documentali, ma comportano il pieno coinvolgimento e l’interazione con il Cliente. Devono pertanto iniziare e concludersi con la riunione iniziale e finale e con coinvolgimento del pertinente personale aziendale.

Procedura Audit da remoto CPR_Conforma

Emergenza Coronavirus – Conforma a supporto delle Istituzioni nazionali

CONFORMA ha ritenuto necessario portare la voce dei propri Soci e dell’intero settore TIC anche alle Istituzioni nazionali, proseguendo così l’azione di supporto, difesa e tutela del ruolo della valutazione di conformità indipendente e della sua continuità intrapresa in questo particolare momento.

Pertanto ha inviato al Presidente Conte e ai Ministri del lavoro, dello sviluppo economico, della salute, delle infrastrutture e dei trasporti e delle politiche agricole, sia la nota del TIC Council che il Comunicato Conforma per confermare la piena disponibilità dell’Associazione e dei suoi Soci nel mettere a disposizione delle Istituzioni la propria esperienza, competenza e conoscenza e a fornire ogni tipo di supporto necessario.

Lettera Presidente Conte

 

COVID 19 – Mantenimento delle certificazioni CPR

Il segretariato tecnico del gruppo degli organismi notificati europei ha emesso un documento di riferimento per il mantenimento dei certificati CPR durante l’epidemia da Coronavirus. Lo stesso è stato inviato da CONFORMA a tutti gli OO.NN. per opportuna informazione.

Va segnalato che il documento non prevede l’effettuazione di audit da remoto a seguito della delibera unanime dell’ultimo GNB/CPR/AG in cui tutti i membri si sono espressi a favore dell’obbligo di condurre sempre le verifiche di sorveglianza presso le unità produttive a sostegno della credibilità del sistema di controllo messo in atto dagli OO.NN.

Ricordiamo tuttavia che la circolare delle autorità notificanti italiane consente, in condizioni particolari e con notifica alle autorità stesse,  l’effettuazione di audit da remoto, previa analisi dei rischi.

NB-CPR ALL – 20-172 – Information – maintaining certificates under the COVID 19 outbreak

Emergenza Coronavirus – TIC COUNCIL

TIC Council, l’associazione internazionale del settore TIC (Testing, Inspection and Certification), che riunisce i principali operatori privati e associazioni del settore, ha inviato lo scorso 24 Marzo, alle Autorità Europee, una lettera a supporto, difesa e tutela del ruolo della valutazione di conformità indipendente e della sua continuità in questo frangente così delicato.

CONFORMA, socio di TIC Council, ha contribuito alla definizione del documento, di cui è disponibile in allegato la sua traduzione in italiano.

30.03.20 COVID letter IT authorities TIC Council

Emergenza Coronavirus: le disposizioni di IAF

Per far fronte alla particolare situazione emergenziale gli ABs per la gestione degli accreditamenti e i CABs per le attività di valutazione della conformità, devono attenersi alle disposizioni internazionali dell’International Accreditation Forum. Si tratta di documenti che prescrivono le modalità di gestione delle attività in situazioni di emergenza, nonché la conduzione degli audit da remoto.

I documenti di riferimento sono:

  •  “Guidelines to mitigate the impact of the COVID-19 epidemic on certification and accreditation bodies”, messa a punto dal CABAC anche con la collaborazione di CONFORMA. Response to impact of COVID-19 21 Feb 2020
  • IAF ID 3:2011 – IAF Informative Document For Management of Extraordinary Events or Circumstances Affecting ABs, CABs and Certified Organizations
  • IAF ID 12:2015 – IAF Informative Document Principles on Remote Assessment
  • IAF MD 4:2018 – IAF Mandatory Document for the Use of Information and Communication Technology (ICT) for Auditing/Assessment Purposes

IAF ha inoltre predisposto una sezione FAQ in continuo aggiornamento con le risposte di IAF alle domande poste dagli Enti di accreditamento e dagli organismi di certificazione ispezione e verifica per affrontare l’emergenza Coronavirus.

Tutti gli aggiornamenti relativi alla gestione dell’emergenza da Covid-19 sono disponibili sul sito IAF e sui canali TwitterLinkedIn .

Per gli aggiornamenti Accredia clicca qui

Emergenza Coronavirus: le disposizioni di Accredia

Emergenza Coronavirus: le disposizioni di Accredia

L’emergenza da Covid-19, meglio nota come Coronavirus, sta richiedendo a ciascuno di rivedere le proprie prassi operative per far fronte, nel modo migliore, alla situazione contingente, e ottemperare alle disposizioni del Governo.
Accredia ha emanato circolari informative e tecniche riferite per gli organismi di valutazione della conformità (CABs) accreditati e in corso di accreditamento, per gli ispettori e gli esperti tecnici.

Di seguito i documenti (aggiornamento al 23 marzo 2020)

CIRCOLARI INFORMATIVE
Circolare informativa ACCREDIA N° 01/2020 – Disposizioni a seguito dell’emergenza sanitaria da Coronavirus
Circolare informativa ACCREDIA N° 03/2020 – Conferma disposizioni a seguito dell’emergenza sanitaria da Coronavirus
Circolare informativa ACCREDIA N° 04/2020 – Nuove disposizioni a seguito dell’emergenza sanitaria da Coronavirus

CIRCOLARI TECNICHE DI DIPARTIMENTO
Circolare tecnica DC N° 06/2020 – Nuove disposizioni a seguito dell’emergenza sanitaria da Coronavirus
Circolare tecnica DC N° 07/2020 – Nuove disposizioni a seguito dell’emergenza sanitaria da Coronavirus per gli adempimenti del DM 115/2014 e Disciplinare del Capo della Polizia del 24.02.2015
Circolare tecnica DC N° 08/2020 – Nuove disposizioni a seguito dell’emergenza sanitaria da Coronavirus – settore IAF28
Circolare tecnica DC N° 09/2020 – Nuove disposizioni a seguito dell’emergenza sanitaria da Coronavirus – specifiche per lo schema EMAS
Circolare tecnica DC N° 10/2020 – Pubblicata la Circolare del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare del 23-03-2020

CONFORMA sta seguendo tutte le evoluzioni e garantirà ai propri Soci la massima informazione. È già stata attivata una Task Force specifica con l’obiettivo di definire, sulle base delle disposizioni di legge e delle indicazioni di Accredia, delle prassi operative per la gestione delle attività di certificazione in questo periodo di emergenza sanitaria.

Per gli aggiornamenti IAF clicca qui

Emergenza Coronavirus: le disposizioni di IAF

Conforma per l’emergenza Coronavirus

CONFORMA in questo momento così critico per il nostro Paese, a fronte della pandemia da Coronavirus (COVID-19) che lo ha colpito, vuole rassicurare tutte le aziende clienti dei propri Associati e tutte le parti interessate che i suoi Soci si stanno tutti adoperando per garantire la continuità dei servizi di valutazione della conformità erogati senza aggravare, in alcun modo, la situazione dal punto di vista organizzativo ed economico.

Questo avviene nel rispetto delle regole definite a livello nazionale da:

  • Governo,
  • Ministeri,
  • Ente di accreditamento nazionale (ACCREDIA),

 

e a livello internazionale da:

  • IAF (International Accreditation Forum);
  • CABAC, organo di IAF che raggruppa le associazioni nazionali degli organismi di certificazione (tra cui CONFORMA),

 

Questo significa adottare comportamenti atti a salvaguardare la salute e sicurezza di tutto il personale degli Organismi di valutazione della conformità che opera sul campo, utilizzando, laddove possibile, tecniche di verifica da remoto, continuando a soddisfare le aspettative e le esigenze delle aziende clienti e di tutte le parti interessate con la professionalità e la competenza da sempre dimostrate, senza alcun aggravio dei costi e, probabilmente, con costi inferiori non essendo necessario aggiungere le spese logistiche.

Qualora la verifica da remoto fosse oggettivamente non possibile, CONFORMA ha collaborato alla definizione di regole di accreditamento e certificazione che prevedono di derogare dai normali requisiti, posticipando le verifiche stesse entro periodi prefissati (tipicamente 6 mesi), per permettere di mantenere attiva la certificazione stessa e non penalizzare le aziende clienti e tutte le parti interessate.

CONFORMA monitorerà attentamente la situazione ed è pronta a promuovere e a farsi portavoce di eventuali ulteriori iniziative a supporto del settore industriale e a favore della continuità delle attività produttive e professionali.

Nell’auspicio che la situazione possa migliorare al più presto, CONFORMA è certa che con il contributo e l’atteggiamento responsabile che tutte le Parti coinvolte stanno dimostrando in questo difficile momento si potranno ripristinare le normali prassi consolidate e assicurare la ripartenza del Paese.

 

Scarica qui il testo integrale del comunicato Conforma

CONFORMA per l’emergenza Coronavirus

 

Coronavirus – Comunicato stampa del Garante Privacy

Il Garante per la protezione dei dati personali ha pubblicato il 2 marzo il comunicato stampa, disponibile in allegato,  per rispondere a quesiti relativi alla possibilità di raccogliere informazioni sulla presenza di sintomi da Coronavirus, all’atto della registrazione di visitatori e utenti, nonché notizie anche tramite autodichiarazioni dei dipendenti sugli ultimi spostamenti, come misura di prevenzione dal contagio.

GarantePrivacy-9282117-1.0

 

EMERGENZA CORONAVIRUS

Di fronte al crescente impatto dell’epidemia di COVID-19, noto come Coronavirus, anche le attività dei CABs e degli ABs stanno subendo delle ripercussioni.

A fine Gennaio IAF e ILAC hanno deciso di cancellare il Mid Term meeting che si sarebbe dovuto tenere a Pechino dal 30 marzo al 6 aprile e al quale CONFORMA avrebbe partecipato con i suoi rappresentanti.

A livello nazionale Accredia ha inviato a tutti gli Organismi, la circolare informativa n.1/2020, disponibile in allegato, con indicazioni sulla gestione dell’emergenza, richiamando il documento IAF ID03 e la “Guidelines to mitigate the impact of the COVID-19 epidemic on certification and accreditation bodies”, messa a punto dal CABAC anche con la collaborazione di CONFORMA.

Si segnalano, inoltre, le misure di carattere generale, attuate dalle Istituzioni nazionali e regionali:

Decreto Legge n.6 del 23 Febbraio 2020 recanti misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante le disposizioni attuative del DL n.6 del 23.02.2020

Ordinanza Regione Lombardia del 23 Febbraio 2020

Ordinanza Regione Veneto del 23 Febbraio 2020

Circolare_informativa_ACCREDIA_01-2020

verifiche impianti elettrici conforma

Decreto Milleproroghe 2020

La Camera dei deputati ha approvato, il 19 Febbraio 2020, il disegno di legge di conversione in legge del Milleproroghe 2020 – DL 30 dicembre 2019, n. 162, che passa ora all’esame del Senato per il via libera definitivo.

Per quanto di interesse di CONFORMA si segnala l’art.36 “Informatizzazione INAIL” che introduce nel decreto del Presidente della Repubblica 462 del 2001, il nuovo articolo 7-bis (Banca dati informatizzata, comunicazione all’INAIL e tariffe).

L’articolo prevede:

  • che l’INAIL predisponga la banca dati informatizzata delle verifiche sulla base delle indicazioni tecniche fornite dagli uffici competenti del Ministero dello sviluppo economico e del Ministero del lavoro e delle politiche sociali;
  • che il datore di lavoro comunichi tempestivamente all’INAIL, per via informatica, il nominativo dell’organismo che ha incaricato di effettuare le verifiche periodiche
  • che l’organismo che è stato incaricato  della  verifica  dal datore di lavoro corrisponda all’INAIL una quota, pari al 5% della tariffa della verifica periodica, destinata  a coprire i costi legati alla gestione e al mantenimento  della  banca dati informatizzata delle verifiche.
  • le tariffe applicate  dall’organismo sono definite dal tariffario unico INAIL del 7 Luglio 2005.

CONFORMA ha seguito attivamente tutti gli sviluppi e continuerà ad interfacciarsi con le Istituzioni competenti, supportando i propri soci nella gestione di queste importanti novità.

ministero del lavoro e delle politiche speciali

XXIII elenco dei Soggetti Abilitati alla conduzione delle verifiche periodiche sulle attrezzature di lavoro

Con il Decreto Direttoriale n. 6 del 14 febbraio 2020 a firma del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, del Ministero della Salute e del Ministero dello Sviluppo Economico, è stato adottato il XXIII elenco, di cui al punto 3.7 dell’Allegato III del Decreto 11 aprile 2011, dei soggetti abilitati per l’effettuazione delle verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro ai sensi dell’articolo 71, comma 11, del Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e successive modificazioni.

Il XXIII elenco sostituisce integralmente il precedente elenco pubblicato con il  Decreto Direttoriale n. 57 del 18 settembre 2019.

Per consultare il decreto cliccare sul seguente link:

DD-6-del-14022020-adozione-XXIII-elenco-soggetti-abilitati-verifiche-periodiche

RATING DI IMPRESA

L’ANAC, secondo quanto previsto all’art. 83 comma 10 del Dlgs 50/2016, ha il compito di definire i requisiti reputazionali del rating di impresa e i relativi criteri di valutazione, nonché le modalità di rilascio della relativa certificazione.

Il rating di impresa è basato su:

  • a) requisiti relativi alla valutazione della performance dell’esecutore;
  • b) requisiti di carattere generale, che impattano sulla valutazione complessiva dell’operatore economico non necessariamente esecutore del contratto.

È in corso un’ulteriore riflessione dell’Autorità sul tema, a valle delle due consultazioni effettuate precedentemente.

Valore quota base 2020

3.000€